Legge n. 108/1996 attuazione normativa in tema di usura on line


Legge n. 108/1996 attuazione normativa in tema di usura on line (pubblicata nella gazzetta ufficiale del 9 marzo 1998 n. 58)


Art. 15. - 1. é istituito presso il ministero del tesoro il "fondo per la prevenzione del fenomeno dell'usura" di entità pari a lire 300 miliardi, da costituire con quote di 100 miliardi di lire per ciascuno degli anni finanziari 1996, 1997 e 1998. il fondo dovrà essere utilizzato quanto al 70 per cento per l'erogazione di contributi a favore di appositi fondi speciali costituiti dai consorzi o cooperative di garanzia collettiva fidi denominati "confidi", istituiti dalle associazioni di categoria imprenditoriali e dagli ordini professionali, e quanto al 30 per cento a favore delle fondazioni ed associazioni riconosciute per la prevenzione del fenomeno dell'usura, di cui al comma 4.
2. i contributi di cui al comma 1 possono essere concessi ai confidi alle seguenti condizioni:
a) che essi costituiscano speciali fondi antiusura, separati dai fondi rischi ordinari, destinati a garantire fino all'80 per cento le banche e gli istituti di credito che concedono finanziamenti a medio termine e all'incremento di linee di credito a breve termine a favore delle piccole e medie imprese a elevato rischio finanziario, intendendosi per tali le imprese cui sia stata rifiutata una domanda di finanziamento assistita da una garanzia pari ad almeno il 50 per cento dell'importo del finanziamento stesso pur in presenza della disponibilità del confidi al rilascio della garanzia;
b) che i contributi di cui al comma 1 siano cumulabili con eventuali contributi concessi dalle camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura.
3. il ministro del tesoro, sentito il ministro dell'industria, del commercio e dell'artigianato, determina con decreto i requisiti patrimoniali dei fondi speciali antiusura di cui al comma 2 e i requisiti di onorabilità e di professionalità degli esponenti dei fondi medesimi.


4. le fondazioni e le associazioni riconosciute per la prevenzione del fenomeno dell'usura sono iscritte in apposito elenco tenuto dal ministro del tesoro. lo scopo della prevenzione del fenomeno dell'usura, anche attraverso forme di tutela, assistenza ed informazione, deve risultare dall'atto costitutivo e dallo statuto.
5. il ministro del tesoro, sentiti il ministro dell'interno ed il ministro per gli affari sociali, determina con decreto i requisiti patrimoniali delle fondazioni e delle associazioni per la prevenzione del fenomeno dell'usura ed i requisiti di onorabilità e di professionalità degli esponenti delle medesime fondazioni e associazioni.
6. le fondazioni e le associazioni per la prevenzione del fenomeno dell'usura prestano garanzie alle banche ed agli intermediari finanziari al fine di favorire l'erogazione di finanziamenti a soggetti che, pur essendo meritevoli in base ai criteri fissati nei relativi statuti, incontrano difficoltà di accesso al credito.
7. fatte salve le riserve di attività previste dalla legge, le fondazioni e le associazioni per la prevenzione del fenomeno dell'usura esercitano le altre attività previste dallo statuto.
8. per la gestione del fondo di cui al comma 1 e l'assegnazione dei contributi, il governo provvede, entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge, all'istituzione di una commissione costituita da rappresentanti dei ministeri del tesoro e dell'industria, del commercio e dell'artigianato e del dipartimento per gli affari sociali presso la presidenza del consiglio dei ministri nonché all'adozione del relativo regolamento di gestione. la partecipazione alla commissione é a titolo gratuito.
9. i contributi di cui al presente articolo sono erogati nei limiti dello stanziamento previsto al comma 1.
10. all'onere derivante dall'attuazione del comma 1 si provvede mediante riduzione dello stanziamento iscritto, ai fini del bilancio triennale 1996-1998, al capitolo 6856 dello stato di previsione del ministero del tesoro per l'anno 1996, utilizzando parzialmente l'accantonamento relativo al medesimo ministero.

Art. 16. - 1. l'attività di mediazione o di consulenza nella concessione di finanziamenti da parte di banche o di intermediari finanziari é riservata ai soggetti iscritti in apposito albo istituito presso il ministero del tesoro, che si avvale dell'ufficio italiano dei cambi.
2. con regolamento del governo adottato ai sensi dell'articolo 17 della legge 23 agosto 1988, n. 400, sentiti la banca d'italia e l'ufficio italiano dei cambi, é specificato il contenuto dell'attività di mediazione creditizia e sono fissate le modalità per l'iscrizione e la cancellazione dall'albo, nonché le forme di pubblicità dell'albo medesimo. la cancellazione può essere disposta per il venire meno dei requisiti indicati al comma 3 e per gravi violazioni degli obblighi indicati al comma 4.
3. l requisiti di onorabilità necessari per l'iscrizione nell'albo di cui al comma 1 sono i medesimi previsti dall'articolo 109 del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385.
4. ai soggetti che svolgono l'attività di mediazione creditizia si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni del titolo vi del decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, e del decreto-legge 3 maggio 1991, n. 143, convertito, con modificazioni, dalla legge 5 luglio 1991, n. 197, e successive modificazioni.
5. l'esercizio dell'attività di mediazione creditizia é compatibile con lo svolgimento di altre attività professionali.
6. la pubblicità a mezzo stampa dell'attività di cui al comma 1 é subordinata all'indicazione, nella pubblicità medesima, degli estremi della iscrizione nell'albo di cui allo stesso comma 1.
7. chiunque svolge l'attività di mediazione creditizia senza essere iscritto nell'albo indicato al comma 1 é punito con la reclusione da sei mesi a quattro anni e con la multa da quattro a venti milioni di lire.
8. le disposizioni dei commi precedenti non si applicano alle banche, agli intermediari finanziari, ai promotori finanziari iscritti all'albo previsto dall'articolo 5, comma 5, della legge 2 gennaio 1991, n. 1, e alle imprese assicurative.
9. salvo che il fatto costituisca reato più grave, chi, nell'esercizio di attività bancaria, di intermediazione finanziaria o di mediazione creditizia, indirizza una persona, per operazioni bancarie o finanziarie, a un soggetto non abilitato all'esercizio dell'attività bancaria o finanziaria, é punito con l'arresto fino a due anni ovvero con l'ammenda da quattro a venti milioni di lire.


Art. 17. - 1. il debitore protestato che abbia adempiuto all'obbligazione per la quale il protesto é stato levato e non abbia subito ulteriore protesto ha diritto ad ottenere, trascorso un anno dal levato protesto, la riabilitazione.
2. la riabilitazione é accordata con decreto del presidente del tribunale su istanza dell'interessato corredata dai documenti giustificativi.
3. avverso il diniego di riabilitazione il debitore puo' proporre reclamo, entro dieci giorni dalla comunicazione, alla corte di appello che decide in camera di consiglio.
4. il decreto di riabilitazione é pubblicato nel bollettino dei protesti cambiari ed é reclamabile ai sensi del comma 3 da chiunque vi abbia interesse entro dieci giorni dalla pubblicazione.
5. nelle stesse forme di cui al comma 4 é pubblicato il provvedimento della corte di appello che accoglie il reclamo.
6. per effetto della riabilitazione il protesto si considera, a tutti gli effetti, come mai avvenuto.
Art. 18. - 1. su istanza del debitore che sia parte offesa del delitto di usura il presidente del tribunale può, con decreto non impugnabile, disporre la sospensione della pubblicazione, ovvero la cancellazione del protesto elevato a seguito di presentazione per il pagamento di un titolo di credito da parte dell'imputato del predetto delitto, direttamente o per interposta persona, quando l'imputato sia stato rinviato a giudizio. il decreto di sospensione o cancellazione perde effetto nel caso di assoluzione dell'imputato del delitto di usura con sentenza definitiva.
la presente legge, munita del sigillo dello stato, sarà inserita nella raccolta ufficiale degli atti normativi della repubblica italiana. é fatto obbligo a chiunque spetti di osservarla e di farla osservare come legge dello stato. legge usura parte 1 | legge usura parte 2 - Correlate: tabella di calcolo dei tassi usurari aggiornata




Regolamentazione antiusura